fbpx

Young

Premi PLAY per ascoltare

Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Oroscopo

14:00 14:03

Show attuale

Oroscopo

14:00 14:03


Alla scoperta dei benefici della ‘Dieta del ghiaccio’

Scritto da il 25 Febbraio 2019

Il merito della dieta che sta esplodendo in tutto il mondo degli ultimi giorni è da attribuire a Wiener, il gastroenterologo che, dopo un’attenta osservazione delle abitudini alimentari degli abitanti in Europa, avrebbe scoperto un interessante nesso tra l’assunzione di acqua allo stato solido e la riattivazione o accelerazione del metabolismo: facciamo spazio alla Dieta del ghiaccio!

Come hanno evidenziato gli esperimenti scientifici realizzati per confermare o confutare l’ipotesi del dottore, il ghiaccio sarebbe effettivamente essenziale nell’accelerazione del metabolismo, con conseguente perdita di peso non indifferente a tempo di record. Supponendo ad esempio che il dispendio calorico dell’organismo sia di 150kcal ogni litro di acqua ghiacciata consumato, basterebbe raddoppiare la dose di ghiaccio assunto -dilazionato nell’arco della giornata, s’intende- per ottenere un dispendio energetico pari ad una mezz’ora di corsa a passo sostenuto, e il tutto senza dover nemmeno allacciare le scarpe da ginnastica!

Il segreto, in parole povere, starebbe nella termogenesi indotta dal ghiaccio nell’organismo di chi si sottopone a questa miracolosa dieta ipocalorica. Come ogni cura che si rispetti, naturalmente, per ottenere risultati migliori è opportuno integrarvi uno stile di vita sano, almeno un paio di ore di attività fisica a settimana, astinenza da alcolici e nicotina, cibi grassi e bevande gassate.

Diamo spazio a ghiaccio e ghiaccioli…. ma con prudenza!
Questo il giusto ammonimento di diverse voci autorevoli che, ben consapevoli del fatto che un’assunzione dilungata nel tempo di alimenti ghiacciati provochi non pochi danni e alterazioni alla struttura dello stomaco, raccomandano la massima attenzione ad eventuali sintomi durante la dieta, incoraggiando chiunque scelga di seguirla di rivolgersi prima al proprio medico e di non dilungarla troppo nel tempo.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.