fbpx

Young

Premi PLAY per ascoltare

Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Oroscopo

07:00 07:03

Show attuale

Oroscopo

07:00 07:03


Alla fine è successo: addio al primo mese gratuito di Netflix in Italia

Scritto da il 5 Aprile 2019

Mai ci fu situazione più calzante di questa per impiegare l’espressione “se tiri troppo la corda, alla fine si spezza”: la piattaforma di streaming on demand più famosa al mondo ha appena decretato la fine in Italia del periodo di prova gratuito di 30 giorni del servizio.

Inutile fare quella faccia scandalizzata, sappiamo tutti, sia per esperienza personale, sia per testimonianze di amici e familiari, quale sia la ragione alla base di un provvedimento così drastico e improvviso: l’utilizzo indiscriminato e protratto negli anni del suddetto mese di prova dei contenuti di Netflix attraverso la creazione di account fasulli, tutti riconducibili ad uno stesso utente. Pratica che, un po’ per malizia, un po’ per passaparola, stava entrando nell’uso quotidiano di sempre più persone.
Un po’ troppe, a quanto pare.

Salvo modiche future al contratto di utilizzo della piattaforma, dunque, da oggi in poi nel nostro Paese l’unico modo per valutare se il catalogo e il servizio soddisfano le nostre aspettative sarà quello di selezionare uno dei tre pacchetti dell’offerta di Netflix e pagare onestamente sin dal primo mese la cifra che, come ricordiamo, corrisponde a:

  • 7,99 euro se si seleziona il pacchetto Base, che limita a 1 il numero di schermi su cui si può guardare qualcosa. Non è inclusa in questo pacchetto la visualizzazione dei contenuti in HD o Ultra HD;
  • 10,99 euro se si sceglie pacchetto Standard, il quale porta a 2 il numero di schermi su cui si può guardare qualcosa contemporaneamente. In questa offerta è disponibile, per i contenuti che lo supportano, il formato HD;
  • 13,99 euro se ci si abbona al pacchetto Premium, che porta a 4 il numero massimo degli schermi su cui si può guardare qualcosa contemporaneamente e supporta la qualità video HD o Ultra HD.

Mentre i nuovi abbonati (e i furbetti) mettono mano al portafogli, la domanda sorge spontanea: basterà la buona condotta e l’onestà di tutti a far revocare questo provvedimento?


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.