fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Cultura

Alice Cooper, squame e lame

today4 Febbraio 2021

Background
share close

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “Poison” – Alice Cooper

Compie oggi 73 anni uno dei personaggi più controversi e discussi nella storia del Rock. Voce sfrontata, maschera ambigua e presenza scenica inquietante. Signore e signori… Mr. Shock Rock, Alice Cooper.

Chi ha avuto modo di assistere ad un suo live vi racconterà di bambole impalate, ghigliottine, elementi di scena macabri, atmosfere horror e terribilmente teatrali. Ha fatto epoca ormai il suo corpse paint, il famosissimo trucco cadaverico che lo caratterizza ormai da anni. Ma il suo fedele compagno di palco è uno splendido boa constrictor di 5 metri che porta con disinvoltura attorcigliato al collo.

Un “angelo” dalla pelle di serpente

Forse non tutti sanno che questa splendida creatura, però, è stata azzannata tempo fa proprio da uno dei topi che costituivano la sua colazione preferita. Nel giro di poche ore, il serpente è passato a miglior vita ed è stato aperto un vero e proprio casting per sostituirlo. Il nuovo bellissimo esemplare è stato ribattezzato da Alice stesso col nome di Angel.

Una sera ero al Marriott Hotel di Knoxville, Tennessee e ho lasciato il boa nella doccia della mia camera. Poi, sono uscito a cena. Quando sono tornato, il serpente era scomparso: si era infilato nel tazza del bagno e da lì giù nelle tubature. Pur di recuperarlo, hanno chiamato persino dei muratori che hanno spaccato i pavimenti. Niente da fare.
Due settimane dopo, mentre mi trovavo in un’altra città, ho letto sul giornale che al Marriot di Knoxville, la country star Charley Pride ha trovato un boa constrictor nella sua camera da letto ed è svenuto. Era Angel, il mio boa
“. 

Alice Cooper è ormai sulla scena da cinquant’anni. Hanno fatto storia i suoi testi ispirati alla narrativa horror, i brani in cui rivendica la libertà di espressione e le denunce dei problemi della società americana.

La sua gigantesca produzione musicale è stata ed è tuttora un faro per molti altri artisti come Marilyn Manson, Slipknot e Motley Crue. E per godercelo insieme, nel giorno del suo compleanno, ho scelto la sua emblematica Poison da ascoltare in cuffia e ovviamente su voicebookradio.com.

Written by: Valentina Proietto Scipioni

Previous post

Salute e benessere

L’angolo del benessere: Lo spuntino NON è un nemico

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “Sugar sugar” – The Archies Lo spuntino non è mai andato così di moda come in questi ultimi tempi. Lo consigliano un po' tutti, dai medici ai dietisti. La sua funzione è quella di regolarizzare l'assunzione di cibo. Infatti, lo spuntino aiuta a completare bene la giornata e, udite udite, aiuta anche a non ingrassare. A tutti noi sarà capitato di ritrovarci in preda […]

today4 Febbraio 2021

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%