fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

  • cover play_arrow

    MARCHIO DI FABBRICA 29/04/21 Giorgio

News

Accadde oggi: il 24 Maggio 1915 l’Italia entrava in guerra

today24 Maggio 2019

Background
share close

Cosa ci è rimasto a 104 anni dalla partecipazione dell’Italia al primo conflitto mondiale

“Il Piave mormorava calmo e placido al passaggio dei primi fanti il 24 Maggio..” così inizia “La leggenda del Piave”, brano di E.A. Mario che rievoca le gesta del Regio Esercito durante la Grande Guerra. E il 24 Maggio è una data fondamentale, poiché ricorda il momento in cui l’Italia è entrata in guerra contro le potenze alleate al fianco dell’Intesa.

Oggi ricorrono 104 anni dall’inizio del conflitto, ma esattamente cosa ci resta di questo evento che appartiene al secolo scorso?
Sicuramente i tanti scritti: le lettere dei soldati al fronte, i comandi degli ufficiali, gli stralci dei tanti poeti sul campo di battaglia, primo tra tutti Ungaretti, che con la sua “Soldati” racchiude in pochi versi tutto l’insostenibile peso dell’esistenza di un milite al fronte, attaccato alla vita come una foglia d’autunno all’albero.

Oltre agli scritti sono tanti anche gli aneddoti legati alla guerra, diventati vere e proprie leggende. La più rappresentativa è probabilmente quella del milite ignoto: un soldato caduto in azione di cui non è mai stata accertata l’identità. Fu selezionato in mezzo ad altre salme di soldati e successivamente caricato su un treno per viaggiare in giro per il Paese. Tutt’ora si trova sull’Altare della Patria a Roma come tributo ai soldati caduti in ogni guerra italiana.

Ma soprattutto, quello che sicuramente ci resta è l’insegnamento: mai un conflitto aveva raggiunto delle proporzioni tali, e ciò che ricordiamo oggi è il valore assoluto della pace, che talvolta le nuove generazioni non riescono a comprendere fino in fondo ma della quale godono grazie all’estremo sacrificio di chi li ha preceduti.

Written by: Pasquale Pollinzi

Rate it

Previous post

News

Dylan, lo smartwatch capace di leggere le emozioni

Aveva proprio ragione il matematico Alan Mathison Turing quando affermava: Le macchine mi colgono di sorpresa con grande frequenza.Alan Turing Oggigiorno la tecnologia sta facendo dei grandi passi in avanti, andando a rivoluzionare nel giro di poco tempo i più disparati ambiti. E proprio quando pensiamo che non ci possa essere un ulteriore cambiamento, ecco che arriva una grande innovazione. Questa volta a rinnovare il campo tecnologico è Il team di Amazon, nello specifico i […]

today24 Maggio 2019

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%