fbpx
play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    Young Premi PLAY per ascoltare

  • play_arrow

    Deep

  • play_arrow

    Relax

  • play_arrow

    Passion

Food

A fuoco lento: “rubiamo” il poke alle Hawaii

today26 Gennaio 2023

Background
share close

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “Somewhere over the Rainbow” – Israel “IZ” Kamakawiwoʻole 

Mani rugose consumate dalle reti e dalle fiocine, il volto arso dal sole, labbra screpolate che finalmente assaporano un pasto dopo ore di duro lavoro. E’ così che probabilmente hanno visto per la prima volta il poke i turisti alle hawaii. Un piatto realizzato con materie prime semplici e “povere”: pesce crudo tagliato a pezzetti e condito con quanto c’era a disposizione, vale a dire sale marino, polpa di noci, salsa di soia e pochissimo altro.

Insomma, quello che il mare e la terra di quelle isole offriva. Si tratta del vero piatto nazionale delle Hawaii, il poké, che oggi conosciamo in una ciotola nella sua versione con cereali, verdure e frutta. Riuscirete anche voi a respirare quell’atmosfera la prossima volta che ne assaporate uno?

pokeIn Europa si cambia musica

In effetti in Europa quello che conosciamo meglio è la sua versione “bowl”, vale a dire servito in una vaschetta profonda insieme a cereali, frutta, alghe o verdure e una eventuale salsa. Ed è indubbio che il poké possa essere considerato salutare, soprattutto se scegliamo alimenti come il pesce -marinato o no- e evitiamo salse troppo grasse.

Negli ultimi tempi c’è stato un boom incredibile intorno a questa pietanza. Sono sbocciati uno dopo l’altro, piccoli e grandi bistrot in cui gustare i poke. Tutti coloratissimi, dall’arancio al rosa brillante fino al verde lime. Scelte cromatiche che invitano ad entrare anche se non sappiamo minimamente se ciò che mangeremo sarà di nostro gusto.

Ed è comodo, vista la sua facilità di maneggio, il sapore fresco, e la possibilità di centinaia di combinazioni. L’unica cosa su cui, e non vale solo per il poke, dobbiamo riflettere è come le nostre scelte abbiamo ricadute sull’ambiente. In questo caso, l’invito è quello di evitare di consumare troppo avocado, visto che per produrre 3 frutti sono necessari oltre 200 litri di acqua. Meglio scegliere le alghe, apportano vitamine e Sali minerali e sono amiche dell’ambiente. Gnam.

Scritto da Alessandro Cossu

Written by: Redazione

Previous post

YCB

Don’t panic: healthy habits

Soundtrack da ascoltare durante la lettura: “Habit” - Louis Tomlinson La mattina è un momento molto particolare della vita di ognuno di noi. Tutti sappiamo bene che esiste un gruppo di persone a cui non si può nemmeno immaginare di rivolgere la parola - datemi retta, rischiate la vita - e un’altra parte, decisamente più piccola, di coloro che sembrano avere un entusiasmo fin troppo evidente. E lo stesso vale per […]

today26 Gennaio 2023

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0%