Più di un semplice viaggio

Scritto da il 16 Dicembre 2019

Durante la lettura si consiglia l’ascolto del brano: “Masego & Medasin- Sunday Vibes”

In dieci anni sono triplicati gli studenti che decidono di studiare all’estero. Solo nell’anno 2018-2019 tocchiamo quota 10.200. La partecipazione delle scuole è ovviamente rilevante: ormai la metà degli istituti partecipa al progetto, aumentando le possibilità dei ragazzi di partire.

Le mete sono varie, anche se alcune rimangono le favorite: parliamo di Stati Uniti (24%), Spagna (11%) e Inghilterra (10%). Meno preferite dai ragazzi Canada (7%) e Cina (1%). Sono leggermente maggiori le partenze delle ragazze (61%) e la fascia d’eta che conta più partenze è quella dei 17 anni.

Molto confortanti i dati quindi, che mettono in evidenza come la voglia di partire dei giovani studenti sia in netta crescita. Una domanda però sorge spontanea: cosa ci guadagna il ragazzo a partire? Mettiamo in conto che al suo ritorno dovrà poi svolgere degli esami che ne accerteranno il livello di preparazione.

Nel corso di quei mesi (sei o dodici che siano) lo studente vive in un paese che è completamente differente dal suo, con ritmi e persone molto diverse da quelle a cui è abituato. Questo porterà quindi il ragazzo a conoscere un nuovo stile di vita dal quale imparerà sicuramente molto di più che restando sui banchi di scuola. Lo “scontro” con una cultura diversa è inevitabile, e questo è ciò che di più grande uno studente può trarre dal viaggio all’estero.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Leggi

Young

Premi play per ascoltare

Traccia corrente

Titolo

Artista