Young

La voce degli studenti

Current track

Title

Artist


Perché il Giappone sta regalando case

Written by on 7 Dicembre 2018

Il Giappone sta affrontando un periodo non particolarmente felice: la demografia è in calo e lo sarà ancora di più nei prossimi anni, con una forte presenza di abitazioni abbandonate in tutto il territorio.

Secondo alcune stime, nel 2040 si arriverà ad avere circa 900 città “fantasma”, cioè quasi totalmente prive di abitanti: nell’area metropolitana di Tokyo, Okutama è la più a rischio, e ha deciso quindi di concedere gratuitamente a chiunque si offra, qualsiasi alloggio rimasto senza proprietario.

Attualmente, in tutto il paese, sono circa 10 milioni le case vuote messe in vendita, che aspettano solo di venir acquistate a prezzi bassissimi o direttamente a titolo gratuito.
Questa manovra disperata del Giappone, deriva dalla grandissima presenza di alloggi disabitati, che appartenevano a proprietari ormai defunti, senza alcun membro della famiglia disponibile ad ereditare le residenze: di fatto, senza alcun tipo di acquirente o affittuario, queste abitazioni possono esser considerate 100% abbandonate.

Ad aggravare la situazione, entra in gioco anche il fattore superstizione: nel paese, infatti, circola la credenza secondo la quale tutte queste abitazioni vuote siano infestate da fantasmi e spiriti maligni, motivo per il quale dal 2013 il numero di case abbandonate è aumentato di circa 2 milioni.
Inoltre, è usanza anche non acquistare alloggi in cui una persona anziana sia morta in solitudine, o dove si siano commessi omicidi e suicidi.

È possibile “comprare” un’abitazione ad Okutama da qualsiasi parte del mondo, basta cercare su internet il database online “akiya banks” (‘casa vacante’) e rientrare nei seguenti requisiti: avere meno di 40 anni, o un figlio under 18 anni, o un genitore under 50.
Con un semplice click, e poche spese relative alle tasse sull’immobile e le commissioni di agenzia, avrete acquistato una casa in Giappone!


  


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.