Me Against the World: l’album della maturità di Tupac

Scritto da il 14 Marzo 2020

Durante la lettura si consiglia l’ascolto dell’album “Me against the world – Tupac”

Il 14 Marzo 1995 Tupac rilasciava Me Against The World. Il suo terzo album debuttò al primo posto della Billboard 200, e raggiunse la vetta della R&B Albums.

Il rapper ha raccontato:

Me Against the World was really to show people that this is an art to me. That I do take it like that. And whatever mistakes I make, I make out of ignorance, not out of disrespect to music or the art. So Me Against the World was deep, reflective. It was like a blues record. It was down-home. It was all my fears, all the things I just couldn’t sleep about. Everybody thought that I was living so well and doing so good that I wanted to explain it. And it took a whole album to get it all out. It’s explaining my lifestyle, who I am, my upbringing and everything. It talks about the streets but talks about it in a different light. There’s a song on there dedicated to mothers, just a song I wrote just for my mother. And it digs deeper like that. I just wanted to do something for all mothers. I’m proud of that song. It affected a lot of people.

Considerato il suo lavoro migliore, nonché quello più introspettivo, Me Against The World venne pubblicato mentre Tupac si trovava in carcere per violenza sessuale. Divenne infatti il primo artista a raggiungere la vetta della Billboard chart durante la reclusione.

I suoi contenuti riguardo povertà , violenza, vita nel ghetto e oppressione da parte della polizia gli hanno non solo portato un grande riconoscimento da parte del giovane pubblico, ma l’hanno definitivamente consacrato uno dei rapper migliori della storia.

La prima settimana il disco aveva già venduto 210,500 copie. A dicembre venne certificato doppio platino per le oltre 2 milioni di copie vendute. Divenne così l’album scritto in prigione con più vendite nella storia della musica. Inoltre gli valse anche la nomination ai Grammy come Best Rap Album e come Best Rap Solo Performance per il singolo Dear Mama.

Dear Mama è un tributo alla madre e attivista Afeni Shakur, che ebbe una grande influenza sulla sua produzione. Nel 2009 la canzone fu aggiunta alla National Recording Registry, che riporta i brani culturalmente o storicamente significativi; fu il terzo brano di genere hip-hop ad esservi inserito. Inoltre guadagnò tre dischi di platino.

L’album contiene altre tracce altrettanto significative come So Many Tears, Temptations, e la profetica Death Around The Corner. Infatti solo un anno dopo il rilascio dell’album Tupac è morto tragicamente in una sparatoria.

La Rock And Roll Hall of Fame, in collaborazione con la NARM (National Association of Recording Merchandisers), ha inserito l’album nella Definitive 200 Albums of All Time, che riconosce gli album più influenti della storia della musica.

Senza dubbio uno l’album è uno dei grandi classici della storia del rap, che dimostra il raggiungimento della piena maturità artistica del rapper scomparso prematuramente. Il contributo di Tupac alla scena musicale americana è ormai indiscusso: la sua figura leggendaria e la sua musica continuano ad attirare schiere fan. Nel 2011 solo negli Stati Uniti sono state registrate in totale 3 milioni e mezzo di copie vendute.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Leggi

Young

Premi play per ascoltare

Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Oroscopo

14:00 14:05

Show attuale

Oroscopo

14:00 14:05